La procura di Messina ha aperto un’inchiesta sull’emergenza acqua che da quasi venti giorni ha messo in ginocchio la citta’ dello Stretto. Si tratta di un ‘modello 45’, un fascicolo in cui non vengono formulate ipotesi di reato e senza indagati.

In pratica, una indagine conoscitiva per eseguire accertamenti preliminari con l’obiettivo di fare chiarezza su questa situazione. Anche la Procura dunque si sta interessando della crisi idrica che sta creando diversi disagi alla cittadinanza.

E oggi e’ un’altra giornata di passione per i messinesi che devono rifornirsi di acqua dalle autobotti e fare i conti con quella ridotta che arriva dal bypass dell’Alcantara in attesa del completamento dei lavori di posa dei tubi flessibili sulla collina di Calatabiano.

(foto tratta da strettoweb)