Il capo del Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, e il Commissario delegato per la gestione dell’emergenza idrica a Messina, Calogero Foti, hanno incontrato questa mattina il sindaco di Calatabiano, Giuseppe Intelisano, per fare un aggiornamento sui lavori in corso – sia sulla condotta sia sul versante franoso – e sulle attività da mettere in atto nei prossimi giorni, primo fra tutti l’adozione del piano di emergenza speditivo per il Comune.

“La struttura commissariale è stata presente in questi giorni a dimostrazione dell’attenzione dello Stato” ha detto Curcio nel corso del successivo sopralluogo al cantiere e alla stazione di monitoraggio della frana installata presso il castello di Calatabiano. “Per questo oggi io e il commissario Foti siamo qui per seguire da vicino le attività in queste ore sperando di vedere ritornare il prima possibile, l’acqua nei rubinetti dei messinesi a cui manca da ormai troppo tempo”.

“E’ stato avviato il cantiere necessario per svolgere tutte le analisi e le indagini geologiche e geotecniche finalizzate alla caratterizzazione dei terreni e a stabilire quali siano i migliori interventi per la mitigazione del rischio nel comune di Calatabiano”, ha sottolineato il Commissario Foti. “In parallelo, poi, sono partiti anche i lavori per realizzare i primi terrazzamenti nella parte sommitale della frana e posizionare primi dreni”.