“Apprezziamo il lavoro di Faraone per l’attenzione del governo Renzi alla Sicilia con nuove assegnazioni di risorse utili allo sviluppo ma, al tempo stesso, ribadiamo piena fiducia nel governo Crocetta la cui azione deve essere rilanciata”

E’ un salomonico cambio di rotta rispetto alle dichiarazioni di una settimana fa quello dei deputati del Pdr a poche ore dall’altolà del Presidente della regione che ha detto in modo chiaro come nessuno abbia il diritto di chiedere  cambiamenti in giunta. In una intervista di stamani a BlogSicilia Crocetta ribadisce comes e anche il Pd cambia uno o due assessori questo non significhi che gli altri possano accodarsi.

I deputati del Pdr si sono riuniti nella sede regionale del movimento. Presenti Picciolo, Greco, Cimino, Gianni, Lo Giudice e Tamajo ed il presidente onorario, l’ex ministro Salvatore Cardinale che la scorsa settimana aveva parlato dell’esigenza di passare da un governo tecnico ad un esecutivo politico.

“Si è affrontata con un’accurata analisi la situazione politica concernente gli equilibri di maggioranza e del governo regionale – si legge in una nota del movimento – ribadendo la necessità e l’urgenza di rilanciare l’azione di governo e di una maggiore coesione nella maggioranza tra
le forze parlamentari. In ordine alle questioni relative ai rapporti tra i partiti di maggioranza e il presidente Crocetta, si apprezzano i contenuti del documento che il presidente della Regione ha diramato e si fa voto perché i partiti e i movimenti che compongono la maggioranza possano privilegiare l’impegno per un programma di riforme serio da realizzare in tempi brevi. Si auspica un rinnovato sforzo per le questioni che riguardano lo sviluppo con particolare attenzione ai temi dell’occupazione”.

Il documento del Pdr  continua poi con un richiamo agli altri partiti della coalizione con una particolare “pacca sulla spalla” al renziano Faraone “A questo proposito si ha piena consapevolezza del fatto che si potrà contare sull’operato autorevole e fattivo dell’onorevole Davide Faraone che autorevolmente rappresenta il Pd siciliano nella segreteria nazionale. A Faraone va certamente riconosciuto il merito di avere determinato scelte importanti del governo Renzi con l’assegnazione di risorse finanziarie fondamentali per la ripresa dell’economia siciliana e per la realizzazione di infrastrutture e servizi essenziali per i cittadini siciliani”.