“Alle minacce ho quasi fatto l’abitudine. Anche quando ho ricevuto il proiettile da mitraglietta non mi sono preoccupato più di tanto. Ma quando è stato inviato un proiettile a Nelli Scilabra ho pianto in solitudine“. A raccontarlo è il presidente della Regione Rosario Crocetta, intervenendo alla presentazione della candidatura alle Europee di Michela Stancheris nella lista Pd Isole.

Il governatore, che ieri ha ricevuto l’ennesima lettera di minacce recante la frase “Tu picca n’hai, malerittu” (ne hai per poco, maledetto – n.d.r.), si riferisce al proiettile ritrovato nella buca delle lettere dell’assessore alla Formazione siciliana lo scorso 19 marzo.

“In quelle ore – ha proseguito Crocetta – era in corso la trattativa con i partiti sulla giunta, si facevano i conti sui posti in giunta, e rabbrividivo di fronte alla assoluta indifferenza dei partiti rispetto a quanto era accaduto a Nelli”.

“Quando ho chiesto a Nelli di fare l’assessore – ha raccontato – ho rassicurato il padre, che avevo appena conosciuto, promettendogli che l’avrei protetta io sua figlia. Per questo ho pianto quel giorno in cui Nelli ha trovato il proiettile”.