Prova a tranquillizzare i forestali promettendogli che potranno tornare a lavorare i primi di novembre. Scrive ia lavoratori sul piede di guerra il governatore Rosario Crocetta appena giunto a Tunisi, dove si è recato per sostenere alcune decine di imprese siciliane nella loro attività di internazionalizzazione.

“Voglio rassicurarvi che governo e parlamento – dice il governatore – stanno seguendo con attenzione le vostre vicende per avviarvi immediatamente al lavoro e trovare una soluzione definitiva. Il fatto che la copertura delle spese per i lavoratori forestali sia stata prevista con autorizzazione dei fondi Cipe, – aggiunge – ritarda sul piano burocratico l’immediata risoluzione del problema, che prevediamo di risolvere entro i primi di novembre”.

“C’è l’esigenza di collocarvi immediatamente al lavoro, sono in collegamento continuo con l’assessore Lo Bello e con il parlamento siciliano. Stiamo lavorando per una soluzione intermedia. Domani – continua il presidente – andrà in commissione un emendamento che aggiunge risorse ai capitoli di spesa legati alla vostra attività e noi confidiamo che domani stesso l’aula lo possa ratificare . Invito tutti quanti alla responsabilità e alla compostezza che richiede il momento assicurando – conclude il governatore – che siamo a fianco dei lavoratori per garantire loro lavoro e salario”.

Intanto l’assessore Lo Bello ha appena riferito all’Ars l’intenzione del governo di presentare domani l’emendamento.