“Non possiamo bloccare la spesa dei fondi europei”. Con queste parole il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, a margine della giornata conclusiva del convegno “Le nuove imprese per una nuova industria della cultura e dei beni culturali”, in corso a Palazzo dei Normanni, a Palermo, ha commentato le ultime dichiarazioni dell’assessore regionale all’Economia Alessandro Baccei che ha ipotizzato un blocco della spesa regionale a partire dal mese di novembre.

“Non vorremo che venissero penalizzata l’Italia e la Sicilia – ha aggiunto -. Se ciò accadesse per colpa nostra, questo si trasferirebbe in una penalizzazione della Sicilia”. Parlando delle risorse del Fondo di coesione e sviluppo Crocetta ha sottolineato che “c’e’ il tema dello sblocco immediato dei fondi Fsc, queste risorse arrivano in termini di liquidità, c’è da fare delle scelte, non possiamo pensare di bloccare tutta la spesa”.

E a proposito della decisione di assegnare l’interim delle Attività produttive, dopo le dimissioni di Linda Vancheri, al vicepresidente della Regione e assessore alla Formazione, Mariella Lo Bello, Crocetta ha parlato di “una fase di transizione legata all’assetto complessivo, non voglio fare forzature che diano la sensazione che voglio rompere. Ma è evidente che i partiti dovranno decidersi “.