Emozioni nell’hangar principale della Base Aeromobili Guardia Costiera di Catania, durante la cerimonia che ha sancito il passaggio delle consegne tra i comandanti Antonio Prencipe e Roberto D’Arrigo, ambedue capitano di fregata.

Da oggi, Roberto D’Arrigo è il nuovo Comandante del 2° Nucleo Aereo, mentre il suo precedessore andrà a Roma al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto.

Durante la cerimonia gli intervenuti composti da forze militari, istituzioni laiche e religiose, parenti e amici dei due comandanti, hanno assistito, sì a un evento istituzionale, ma in cui il sentimento umano era presente.

Spesso siamo abituati a pensare le forze armate come una realtà distante dal cittadino e con un’atteggiamento “freddo”, ebbene dobbiamo ricordare che le forze armate, a prescindere dal grado e dal gruppo di appartenenza sono composte da uomini e donne che lavorano per il Paese, il più delle volte sacrificando la propria vita personale.

Il comandante Antonio Prencipe ha sottolineato con estrema emozione, quanto sia legato a Catania, pur essendo molto felice del nuovo incarico, e come questa città sia stata testimone importante della propria vita, fra cui la nascita di uno dei due figli.

Torna a casa invece il Capitano di Fregata Roberto D’Arrigo, dove oltre a essere nato ha anche prestato in passato, servizio. D’Arrigo,  proviene dal Centro Alti Studi Studi per la Difesa, dove ha svolto l’incarico di “Tutor” dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze ed é in servizio nelle Capitanerie di Porto dal 1992.

Il nuovo Comandate del 2° Nucleo Aereo della Guardia Costiera di Catania ha un curriculum e un’esperienza adatta al ruolo che gli é stato assegnato; in passato ha infatti prestato servizio al 1° Nucleo Aereo di Sarzana, alla Capitaneria di Porto di Ancona, al 2° Nucleo Aereo di Catania, al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto ed alla Direzione Marittima della Sicilia orientale.

Dal 2005 al 2007 ha comandato la Capitaneria di Porto di Sanremo e, nel 2010, ha frequentato il 54° Corso “Normale di Stato Maggiore” all’Istituto di Studi Militari Marittimi di Venezia. Ha frequentato il 16° Corso “Superiore di Stato Maggiore Interforze” dell’omonimo Istituto in Roma, conseguendo anche la qualifica di “Consigliere giuridico nelle Forze Armate”. Oltre a essere laureato e ad avere diverse specializzazioni, D’Arrigo é anche giornalista.

Il Comandante D’Arrigo ha specificato ai giornalisti che una delle sue priorità é sì “il soccorso in mare e il salvataggio, come fatto proprio dai ragazzi schierati e presenti alla cerimonia, che, poche ora erano impegnati al largo delle isole Pontine, ma anche gli altri compiti d’istituto come sicurezza della navigazione, tutela ambientale e culturale e i controlli sulle attività di pesca”.

Non dimentichiamo infatti che la Guardia Costiera ha più ruoli da compiere e molti riguardano il controllo del traffico illegale di esseri umani, il trasporto di droga e armi, e il contrabbando di merci o la pesca di frodo.

D’Arrigo ha inoltre specificato che i due elicotteri Aw139 Agusta che rinforzano il dispositivo delle aerostazione, saranno impiegati anche per Frontex, poiché é fondamentale utilizzare bene tutti i dispositivi  assegnati alle forze di controllo e vigilanza”