“Abbiamo condiviso il percorso politico con il quale è stato eletto Nello Musumeci alla presidenza della commissione Antimafia, al quale auguriamo buon lavoro per la sua nuova funzione. Rammarica che un uomo come il nostro parlamentare Antonio Malafarina, dirigente superiore di Pubblica sicurezza ed impegnato in prima persona nella lotta alla mafia, non abbia potuto accedere nell’ufficio di presidenza della commissione. Talvolta i partiti dovrebbero fare un passo indietro e vincolare i propri accordi a opportunità che, nel caso di Malafarina, andavano colte”. Lo afferma Giovanni Di Giacinto, capogruppo del Megafono all’Assemblea regionale siciliana.