“Il dirigente tecnico con funzione di direttore di riserva deve possedere la laurea in scienze geologiche o naturali o biologiche o agrarie o forestali”. Lo prevede il disegno di legge presentato da Giovanni Greco, deputato del gruppo misto dell’Ars, per modificare la legge regionale 14 del 9 agosto 1988, che mette in secondo piano la figura professionale del geologo.

“La legge in questione -dice Greco- non prevede fra le figure, che possano ricoprire il
ruolo di dirigente tecnico con funzioni di direttore della riserva, la laurea in scienze geologiche. Tale esclusione viene esercitata in assoluta mancanza di presupposti, infatti per la tipologia del corso di laurea e per i contenuti accademici, il laureato in scienze geologiche sarebbe in grado di assolvere perfettamente il compito di direttore di riserva. L’auspicabile presenza della laurea in scienze geologiche -conclude Greco- aggiunge un elemento importante per la conservazione e la valorizzazione dei geositi naturali”.