Due milioni di Euro in arrivo a Palermo dal Piano di Azione e Coesione inserito nel Piano nazionale per la ricerca e la competitività PONREC. E’ questo il risultato della graduatoria pubblicata dai Ministeri dello sviluppo economico e dell’Università e ricerca, che hanno approvato 42 progetti presentati da altrettante amministrazioni pubbliche e distribuendo in totale 150 milioni.

Il progetto approvato per Palermo, presentato dall’Assessorato per la cittadinanza sociale prevede un intervento di sviluppo tecnologico ed organizzativo del servizio di ADI – Assistenza domiciliare integrata, rivolto a persone con disabilità gravi.
Il servizio che integra i servizi erogati da due soggetti pubblici principali, ossia il Comune per quanto riguardano i servizi sociali e l’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) per quanto riguardano i servizi medicali, permette oggi di fornire assistenza a 178 disabili, con un costo di 1,2 milioni annui per le casse del Comune.

Attraverso il progetto finanziato ora dal PONREC, si mira ad un miglioramento del dispositivo di gestione del servizio attraverso il ricorso alla totale informatizzazione dei dati relativi agli utenti, alle patologie, alle prestazioni effettuate, ai ricoveri, superando quindi la gestione “cartacea” che oggi allunga le procedure, fa aumentare i costi, rende difficile il monitoraggio della qualità e della spesa.

Al di là degli aspetti tecnici, lo scopo del progetto è quello di potenziare e rendere più efficiente la rete dei servizi volti a sostenere gli anziani presso il proprio domicilio, con interventi personalizzati e flessibili.