Il nuovo rinforzo del centrocampo rosanero, Massimo Donati, si è presentato questo pomeriggio a Boccadifalco. L’ex barese conosce bene Bortolo Mutti che lo ha allenato la scorsa stagione: “L’anno scorso c’era una certa smobilitazione a Bari, visti anche gli stipendi elevati si pensava potessero andar via diversi giocatori. La stagione è poi iniziata e vista anche la richiesta di mister Torrente sono rimasto a Bari. Mutti? Lo conosco da parecchio tempo e so che lui è una persona eccezionale, oltre a essere un grande allenatore. E’ una persona corretta, cosa che dovrebbe essere alla base di qualsiasi rapporto personale. A Messina insieme avevamo fatto una grande campionato, arrivando ottavi, anche se quella squadra non poteva contare su grandi campioni come può fare oggi il Palermo. Oggi bisogna recuperare la giusta fiducia e riprendere il giusto cammino”.

Donati ha già legato con capitan Miccoli: “Appena sono arrivato lui ha fatto delle battute sulla mia provenienza da Bari, ma queste sono le cose belle del calcio. Le rivalità sane fanno bene, oggi siamo compagni e dobbiamo riportare in alto insieme il Palermo”. Donati esordirà domenica contro con il Genoa: “Io non vedo l’ora arrivi il match di domenica, considerato che desideravo da tempo tornare a giocare nella massima serie. Ho voglia di correre, giocare per la squadra e vincere.

Donati infine si sofferma sul suo ruolo e sul momento negativo dei rosanero: “A me piace giocare sia davanti alla difesa che da mezzala. Non sono un regista classico e non sono solo una mezzala che gioca sugli inserimenti, ma preferisco fare entrambe le cose. Davanti alla difesa però credo di poter dare il meglio. Momento negativo dei rosanero? Negli utlimi anni il Palermo ha ottenuto grandi risultati. Basta solo avere fiducia nei propri mezzi e ottenere un paio di successi di fila . La squadra sa che al momento ci sono delle difficoltà, ma ha grande voglia di risolverle”. (italpress)