Un arsenale come non si trovava da tempo in provincia di Ragusa: armi di ogni tipo, anche una penna-pistola da 007, tutte con spiccate potenzialita’ offensive, esplosivi, polvere da sparo, munizioni di ogni tipo, fucili con matricola abrasa, pistole modificate complete di silenziatore, giubbotti antiproiettile.

E’ stato scoperto dalla Squadra mobile di Ragusa e dal commissariato di Vittoria, con l’ausilio delle Unita’ cinofile antidroga ed antiesplosivo e con con il supporto del reparto Prevenzione Crimine e la squadra Volanti. Il servizio, che ha impegnato 40 uomini, e’ stato disposto dal questore di Ragusa, Giuseppe Gammino.

Tre persone sono state arrestate: Rosario Greco, di Vittoria, 32 anni, con diversi precedenti di polizia, tra i quali associazione mafiosa, che dovra’ rispondere di detenzione illegale di un fucile a pompa americano con puntatore laser, altre parti di armi di provenienza furtiva e munizionamento illegale; Marco Di Martino, di Comiso, 40 anni, con precedenti per estorsione, rapina e lesioni aggravate, accusato del possesso di 5 fucili dotati di congegni di puntamento ottici per tiro di precisione balistica, del tipo utilizzato dai cecchini, 3 pistole, una penna-pistola, 1 giubbotto antiproiettile, materiale per fabbricazione di esplosivi, polvere da sparo, pressa per confezionamento cartucce e un migliaio di munizioni; Andrea Di Martino, di Vittoria, 24 anni, al quale sono stati sequestrati 700 grammi di marijuana, 3 pistole e 2 fucili.