Sono 15 le persone arrestate a Randazzo, in provincia di Catania, perché ritenute appartenenti ad un clan mafioso che opera nella fascia Ionica, come diretta articolazione della “famiglia” catanese Santapaola-Ercolano, specializzato alle estorsioni ed al traffico di stupefacenti.

Le indagini dei carabinieri, avviate dopo numerosi danneggiamenti ed intimidazioni a danno di diversi imprenditori e commercianti della zona, hanno consentito agli investigatori di delineare le dinamiche criminali che regolavano gli affari illeciti del clan ricostruendone la struttura e le modalità di gestione della “cassa comune”, di interrompere un importante “summit” mafioso e di scongiurare una escalation criminale per l’affermazione dell’egemonia sul territorio ed impedire “interferenze” esterne.

Un anno fa, a marzo 2014, un’altra imponente operazione antidroga, aveva disarticolato a Randazzo un traffico di stupefacenti che viaggiava sull’asse Sicilia-Locride. Un insospettabile e alcuni ‘affiliati’ gestivano la droga per conto del clan Santapaola-Ercolano.