Il Pd siciliano punta sui nomi forti per le elezioni Europee in Sicilia. Il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, ha confermato  la candidatura all’Adnkronos: “Me lo ha chiesto il premier Renzi – spiega – non potevo dire di no”.

Il sindaco Nicolini però tiene a precisare che la sua candidatura serve “per rafforzare il ruolo di Lampedusa. Non lascerò mai sola quest’isola. Metterò tutto il mio impegno per fare in modo che Lampedusa possa incidere sulle politiche del Mediterraneo”.

Già in passato Matteo Renzi, subito dopo l’elezione a segretario del Pd, aveva chiesto a Nicolini di fare parte della sua squadra ma lei aveva declinato per dedicarsi a Lampedusa. Questa volta il presidente del Consiglio, per convincerla ha oggi inviato sull’isola Davide Faraone, renziano storico e componente della segreteria nazionale del Pd. “Ottima candidatura, sono felice che Giusi abbia accettato la candidatura alle Europee”, ha dichiarato Faraone.

Si parla già della Nicolini come capolista della circoscrizione Sicilia-Sardegna ma tutto sarà deciso martedì (9 aprile) nel corso della direzione nazionale dei democratici.

Appena ieri il segretario del Pd Sicilia aveva ufficializzato ala candidatura alla competizione di un altro nome importante, quello di Caternia Chinnici.

“La candidatura di Giusi Nicolini alle Europee con il Pd è una bellissima notizia”, ha commentato a caldo Raciti. “La sua è una disponibilità preziosa – dice Raciti – non solo la testimonianza di una battaglia prsonale, ma la sensibilità verso un tema importante come quello dell’immigrazione che al Pd sta molto a cuore”.

A questo punto la lista chiusa in direzione regionale dal Pd sarà modificata. “Martedì porterò la lista aggiornata al Pd – dice Raciti – bisogna verificare chi farà un passo indietro”.