Entra nel vivo la corsa al Parlamento europeo di Michela Giuffrida, espressione indipendente di Articolo 4 nella lista del Pd. Stamattina il cinema multisala Politeama di Palermo era gremito per l’incontro elettorale della giornalista, già direttore del Tg di Telecolor e Antenna Sicilia.

“Una scelta di merito la candidatura di Michela Giuffrida – dice Lino Leanza, fondatore di Articolo 4, che per giorni l’ha corteggiata politicamente, convincendola infine ad accettare la proposta – un atto d’amore nei confronti della nostra terra, che ha bisogno di cambiare, con buona volontà e con le persone giuste.”

“Nella mia professione di giornalista – dice la Giuffrida – ho intervistato i leader politici, ho visto le dinamiche mutare costantemente, e il tutto da un punto di vista privilegiato.”

“In questi giorni in cui l’emergenza immigrazione è tornata a farsi sentire, mi viene chiesto spesso quale sia la mia posizione. Ma quale può essere la posizione di chi ha visto con i propri occhi i corpi senza vita avvolti in sacchi di plastica di quanti in quel viaggio della speranza hanno perso il sogno di un nuovo inizio? Bisogna rivendicare dignità, attenzione e risorse in quanto terra di frontiera, e solo l’Europa ci può garantire queste cose. Ma è necessario per questo affidarsi alle persone che conoscete, credere in un progetto, diffidare dal partito della rabbia che vuole l’astensionismo, e iscriversi invece al partito della speranza.”

“Sono orgogliosa di essere candidata nel primo partito del Paese, ma sono convinta che per ripartire bisogna puntare sulle persone. E a questo proposito mi piace ricordare Giovanni Falcone – conclude – che diceva «Le idee camminano sulle gambe delle persone».”