Mattinata difficile per gli utenti italiani di Facebook che hanno dovuto condividere (il verbo non è casuale…) qualche disservizio sul newsfeed. A non funzionare stavolta sarebbero stati alcuni server, mentre in Francia, Germania e Svezia infatti non sono state registrate difficoltà di sorta. Inoltre le chat e le notifiche hanno funzionavano regolarmente. A scatenarsi, però, sono stati i cinguettii di Twitter che in poco tempo hanno rilevato il disagio e il topic #Facebookdown è stato fra i più adoperati.

C’è stato anche chi ha segnalato un ritorno alle vecchie abitudini ‘cinguettando’ che il problema al social network più noto del mondo ha fatto registrare un aumento significativo delle telefonate.

Non sono mancati anche riferimenti a presunti miracoli dei nuovi Papi Santi, Giovanni XIII e Giovanni Paolo II, che avrebbero, sempre secondo alcuni cinguettatori, restituito al mondo un po’ di intimità provocando il ‘down’ di Facebook (nella foto). Decisamente più laici, ma ‘romanamente’ efficaci gli ‘esticazzi’ piovuti sul caso del presunto guasto.

L’hashstag ha fatto scatenare gli utenti di molti Paesi, probabilmente anche dove il social network funzionava perfettamente, poi tutto è tornato alla normalità digitale che tutti conosciamo. Resta il fatto che per un paio d’ore il mondo è tornato a fare amicizia nel modo che forse ha dimenticato: parlando.