Una bambina ha scritto di avere provato una “grande emozione”. Un altro ha semplicemente definito “meravigliosa” la visita al Mandralisca di Cefalù. Hanno lasciato tanti pensieri, semplici e autentici, i piccoli visitatori che hanno partecipato alla “Giornata delle famiglie al museo – F@mu”.

Al Mandralisca ne sono arrivati molti, oltre ogni previsione. Li ha accolti un operatore di didattica museale nelle vesti del barone Enrico Pirajno di Mandralisca che, in un elegante abito dell’Ottocento, ha guidato i bambini tra i tesori della sua casa-museo: la pinacoteca con il celebre Ritratto d’uomo di Antonello da Messina, la biblioteca con libri antichi e preziosi, la collezione archeologica, quella malacologia.

Ai piccoli visitatori si è aperto un mondo da favola che però hanno potuto toccare con mano. Molte le domande e le curiosità soddisfatte dal racconto preciso e suggestivo del barone che ha introdotto i suoi piccoli ospiti nel suo mondo fatto di molteplici interessi.

I bambini hanno lasciato una testimonianza della loro esperienza. Chi lo ha fatto con disegni originali, chi con pensieri acuti e curiosi. Tutti parteciperanno a un concorso nazionale tra i visitatori dei musei che hanno aderito all’iniziativa.
“Il dato più significativo – ha detto il presidente del Mandralisca, Franco Nicastro – è il coinvolgimento di tante famiglie che ai loro bambini hanno regalato un’esperienza unica e straordinaria. In fondo questo era l’obiettivo dell’iniziativa: proporre un percorso in cui la cultura è stata presentata e vissuta in una dimensione ludica”.

(foto di Antonio Barracato)