“Sulle quote rosa, la sentenza del Tar ha dato giustamente ragione alla Federazione Fidelis e alla consigliera comunale di Palermo del Pdl, Stefania Munafò. Brava Stefania, adesso, per gli stessi motivi, chiedi lo scioglimento delle altre società ex municipalizzate e soprattutto chiedi lo scioglimento della giunta Cammarata”.

Lo dice Davide Faraone, candidato a sindaco di Palermo, a proposito della sentenza del Tar che ha sciolto il Cda dell’Amap.

“Secondo lo stesso principio – aggiunge – si dovrebbe sciogliere la giunta Cammarata. Infatti, l’articolo 45 dello Statuto del Comune di Palermo, al comma 1, recita testualmente: ‘La Giunta, organo di amministrazione attiva del Comune, è composta dal Sindaco, che la presiede, e da un massimo di 16 Assessori da lui nominati nel rispetto delle disposizioni in materia di pari opportunità”.

“Non mi pare, in questi ultimi dieci anni – conclude Faraone – che Cammarata abbia agito in conformità dello Statuto. Da parte mia, ho già annunciato, che la mia giunta sarà composta da 5 uomini e da 5 donne.”