Sarà Eugenio Finardi, con il suo Fibrillante tour, l’ospite d’eccezione della prima edizione di Festambiente Mediterraneo, l’ecofestival targato Legambiente che sbarca per la prima volta in Sicilia, per tre giorni all’insegna del divertimento, della la cultura e dell’amore per la buona cucina.

Da venerdì 19 a domenica 21 le ex Fabbriche Sandron (in via Ferro Luzzi, accanto all’ingresso dell’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo) si trasformeranno in una cittadella ecologica che ospiterà concerti con artisti di fama internazionale, dibattiti, cinema, mostre mercato, spazio benessere, cibo tradizionale e bio.

E per i più piccoli la Città dei bambini: un’area dove anche sedie e tavolini sono a misura di bimbo, e dove sarà possibile poter giocare e fare laboratori. Per promuovere stili di vita sostenibili anche in città sono previsti sconti per chi arriva al festival in bici o con il Carpooling di City Free.

“Un ampio e variegato programma culturale – spiega Mimmo Fontana, presidente di Legambiente Sicilia – per quello che vuol diventare un appuntamento annuale di dibattito e confronto dell’area del Mediterraneo. Siamo convinti che l’ambientalismo sia l’unica chiave di lettura capace di affrontare insieme crisi climatica e crisi economica e di coniugare la salvaguardia dell’ambiente con il progresso sociale, culturale ed economico”.

Atmosfere mediterranee, swing, groove, funk, world music, il soul al femminile e l’anima rock della musica italiana saranno la colonna sonora di festAmbiente Mediterraneo. Musica dal vivo dall’aperitivo a tarda notte (a cura di Legambiente e Accademia del Mediterraneo).

Ospite d’eccezione Eugenio Finardi che salirà sul palco di Festambiente sabato 20 dicembre, alle ore 22.00, con la sua mescola “ribelle” di musica rock, anima blues, versi in rima e musicisti pazzeschi capace di descrivere come poche il mondo che girava loro intorno, dai grandi rivolgimenti sociali degli anni ’70 al viaggio più introspettivo e personale proseguito nei decenni successivi.

Ad aprire, venerdì, i concerti di Festambiente Mediterraneo sarà il gruppo “A noi ci piace Vintage” (alle ore 20), che proporranno al pubblico un’esibizione frizzante, caratterizzata da un repertorio eterogeneo che spazia dal trash alla canzone d’autore, in cui tutti i pezzi vengono rispolverati e riproposti in chiave ironica ed assolutamente stravagante. A seguire, alle ore 22, gli “Swingrowers”: stile irriverente, dance ma con le calde influenze dei vinili swing degli anni ’20 e ’30.

Il sabato, prima dell’esibizione di Eugenio Finardi, il palco di Festambiente sarà per i “Sei Ottavi”, un gruppo di sei voci che hanno fatto del contemporary a cappella il loro modo di esprimersi.
Domenica, invece, alle Fabbriche Sandron le splendide voci di Eleonora Tomasino (alle ore 20.00) e Anna Bonomolo ( alle ore 22.00) per una serata all’insegna del soul che chiuderà il festival.

Festambiente Mediterraneo sarà anche l’occasione per riflettere insieme sui temi della sostenibilità, per raccogliere e raccontare le storie delle persone che ogni giorno si impegnano per un Paese migliore, più giusto e più bello.

“Una bussola per orientare cittadini, amministrazioni e aziende verso scelte sempre più consapevoli negli acquisti, nel modo di spostarsi, di gestire i rifiuti e le risorse comuni come l’acqua e l’energia – prosegue Fontana – per ripensare le città e i territori come luoghi sempre più sani e accoglienti per tutti”.

Non solo concerti e dibattiti. A Festambiente Mediterraneo spazio all’animazione e l’intrattenimento dedicati alle famiglie con il cineforum, i laboratori didattici per bambini, le attività sportive, il benessere e i trattamenti naturali, cibo da strada e delle tradizioni del Mediterraneo, accompagnato da birra e vino. E per chi non ha ancora pensato ai regali di Natale, Legambiente propone le proposte ecosostenibili degli stand delle aziende della green economy e il mercatino dell’artigianato sostenibile.

Il programma completo è disponibile su www.festambientemediterraneo.it