Primo grande appuntamento al Teatro Massimo di Palermo con il Festival Nuove Musiche, dove andranno in scena musiche ispirate all’Oriente con il Cantore del Dalai Lama. Domani, alle 20:30, aprirà, infatti, la sua seconda edizione, in collaborazione con numerose istituzioni e realtà culturali della città. E lo farà con il concerto “Perdersi, ritrovarsi…”, un concerto ispirato all’Oriente che vede la presenza eccezionale del Cantore del Venerabile Dalai Lama, Ngawang Tashi Bapu, noto come Tashi Lama, e un programma che traccia le vie della trascendenza partendo dal Libro tibetano dei morti (Bardo Thodol) per procedere con le musiche di Glass, Stockhausen e Wagner. Sul podio Gabriele Ferro, direttore musicale del Teatro Massimo.

Nuove musiche, in ideale collegamento con quelle Settimane Internazionali Nuova Musica che, negli anni Sessanta, resero Palermo protagonista del dibattito musicale e culturale. Ma nuove anche perché propongono al pubblico brani recentissimi, alcuni dei quali commissionati nell’occasione dal Teatro Massimo, o interpretazioni che ribaltano ogni attesa, seguendo il filo di una contemporaneità sorprendente e mai scontata. Dieci appuntamenti che tessono Oriente e Occidente, che vedono tra i protagonisti Vladimir Luxuria per Chansons de Bilitis di Debussy. Cabaret Contemporain che interpreta Kraftwerk con strumenti tradizionali, e che propongono musiche che raccontano tutto il Novecento, da Luigi Nono a Sofia Gubaidulina, da Steve Reich a Salvatore Sciarrino.

Il concerto di domani sera avrà come punto comune dei brani in programma una visione “orientale” della musica. Quel che verrà eseguito, o che giunge all’ascoltatore, sarà solo una porzione di un flusso continuo universale, di un continuo divenire sonoro. Il Canto tantrico dal Libro tibetano dei morti, raccolta di testi sapienziali risalente al quattrodicesimo secolo, descrive quel che avviene all’anima nell’intervallo (bardo, alla lettera stato di transizione) tra la morte corporale e la reincarnazione successiva. Il suo interprete sarà Geshe Ngawang Tashi Bapu, Cantore del venerabile Dalai Lama e attualmente direttore del Central Institute of Himalayan Culture Studies in India, che intonerà anche le note scritte per lui da Philip Glass.

Sand Mandala e Escape to India sono rispettivamente il momento iniziale e quello conclusivo della colonna sonora creata da Glass per Kundun di Martin Scorsese. Il film, realizzato nel 1997 dal regista italo-americano, narra l’infanzia del quattordicesimo Dalai Lama, Tenzin Gyatso. Con le musiche composte per Kundun, che interpolano interventi eseguiti da Tashi Lama, Glass è stato nominato nel 1998 per la miglior colonna sonora tanto per il premio Oscar che per il Golden Globe.

Ma l’Oriente è una componente fondamentale anche nella musica e negli scritti di Richard Wagner, di cui saranno eseguiti il Preludio e Isoldes Liebestod da Tristan und Isolde. L’opera, che dal punto di vista letterario rientra nel ciclo bretone, nella versione di Wagner reca una chiara impronta orientaleggiante.