Incontro positivo al Ministero del Lavoro durante il quale il ministro Guidi e i rappresentanti della Blutec hanno confermato il piano di investimenti per l’area di Termini Imerese .

“Entro la fine di ottobre – ha comunicato il presidente Crocetta  – partiranno gli acquisti di alcuni macchinari e, nei
primi mesi del 2016, sono previste le prime assunzioni per circa 200-250 lavoratori. Sono circa un centinaio in più rispetto all’accordo del 22 dicembre 2014″.

Si è discusso anche di ammortizzatori sociali e formazione del personale alla presenza dell’assessore al Lavoro Bruno Caruso. La Regione si occuperà dei costi per la riqualificazione dei lavoratori, mentre per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali si apre un tavolo di confronto su una questione posta dal presidente Crocetta, dal sindaco di Termini e dai sindacati dei lavoratori, che punta alle garanzie oltre che per il diretto anche per l’indotto.

Blutec e il ministro Guidi ci hanno confermato l’impegno per il piano industriale di Termini Imerese, e per la proroga della cassa integrazione fino al 31 dicembre, ribadendo l’importanza del progetto per reinserire al lavoro gli ex operai Fiat e l’indotto, nonostante qualche difficoltà che ritengono superata”.

Ad affermarlo al termine dell’incontro sul progetto Blutec per Termini Imerese che si è tenuto a Roma fra Fim Fiom e Uilm, Mise , Regione siciliana, sono Ludovico Guercio segretario Fim Cisl Palermo Trapani e Giovanni Scavuzzo componente di segreteria. La Blutec al tavolo ha dunque confermato la fase della componentistica, la mappature delle professionalità da utilizzare nello stabilimento e l’impegno ad anticipare le somme per la cigs in caso di ritardi.

Invitalia da parte sua, ha fatto sapere che la società ha versato ulteriori 11 milioni di euro, più una garanzia di una banca europea per giungere ai 24 milioni da versare per la ricapitalizzazione. Gli ispettori di Invitalia valuteranno il piano e le garanzie finanziarie entro il 15 ottobre. “E’ chiaramente positivo se il progetto effettivamente andrà avanti e la cig verrà rinnovata, ora attendiamo le ulteriori verifiche di Invitalia e ci auguriamo di poter sgomberare del tutto il campo dai dubbi e dalle incertezze”.

Entro il 2016 dovrebbero essere reinseriti i primi 250 operai, per l’indotto “abbiamo chiesto garanzie – aggiungono Guercio e Scavuzzo – prima di tutto con gli ammortizzatori sociali, la Regione può intervenire all’interno delle sue prerogative usando parte delle somme destinate agli ammortizzatori per emergenze specifiche come questa”.

Il Mise ha annunciato un nuovo tavolo dopo il 15 ottobre, intanto la formazione per le nuove attività lavorative degli operai che hanno già finito i colloqui, dovrebbe essere avviata i primi di novembre. Entro quest’anno, inoltre, Blutec dovrà adeguare l’impianto di Termini Imerese per avviare le attività, come chiesto dal Mise. “Abbiamo chiesto un maggiore coinvolgimento delle parti sociali negli step del progetto industriale per evitare di essere travolti da indiscrezioni allarmanti”.

Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani conclude “auspichiamo sia la volta buona, che il progetto cioè possa prendere il via senza ulteriori intoppi, rinvii e ritardi. I lavoratori vogliono tempi certi sul rientro in fabbrica, ci auguriamo giungano al prossimo incontro. Solleciteremo sempre inoltre le garanzie anche per l’indotto ormai in sofferenza e senza ammortizzatori da troppo tempo”.