Finanziaria regionale ancora al palo. Non c’è traccia del documento economico all’Ars quando mancano 55 giorni alla scadenza ultima per l’approvazione di una norma complessa che deve passare prima dalle commissioni di merito, poi dalla commissione bilancio ed infine dell’aula.

Il documento economico sembra sia in fase di definizione da parte degli uffici che potrebbero portarne una versione rivista al vaglio di Palazzo d’Orleans già oggi per ottenerne l’approvazione della giunta martedì prossimo.

Almeno questo il percorso indicato dal presidente della Regione, Rosario Crocetta che ammette che il testo definitivo della manovra dovrebbe arrivare sul tavolo della giunta la prossima settimana e dunque è ancora al vaglio dei tavoli tecnici, compresi quelli ministeriali.

“Stiamo raccogliendo le proposte dei dipartimenti sulle norme per lo sviluppo, martedì ci sarà un passaggio in giunta e poi deliberiamo- dice il governatore alla stampa -“.

Oltre alle riforme di contenimento della spesa, la manovra conterrà anche le norme per lo sviluppo, supportate dai fondi strutturali. Il governo ha fatto un passo indietrom rispetto alla prima ipotesi di spezzare il documento in due e portare all’analisi dell’aula solo la finanziaria di tagli e contenimento della spesa e riservare per un momento successivo le norme per lo sviluppo

Resta il fatto che ad oggi nessun documento è giunto all’Ars e che se anche dovessero essere rispettati i tempi indicati dal governatore, la prima trasmissione di una bozza di finanziaria utile alla discussione non potrà avvenire prima della metà di marzo e l’avvio del percorso in commissione si può prevedere fra il 17 e il 18 marzo ovvero con un margine esiguo, di soli 40 giorni, per l’intera complessa procedura.