Sfiorata la tragedia ad Agrigento dove un bimbo di due anni ha rischiato di morire in preda ad un attacco convulsivo che lo stava facendo soffocare. La madre, in preda al panico, ha chiesto aiuto. Un finanziere, Andrea Stamerra, si è accorto di quello che stava accadendo ed è intervenuto con alcune manovre, salvandogli la vita. Nel frattempo sono arrivati i sanitari del 118 e hanno trasportato il piccolo nell’ospedale San Giovanni di Dio.

Stamerra, originario di Casarano in provincia di Lecce è attualmente in servizio al Comando provinciale delle Fiamme Gialle di Agrigento e poco tempo addietro aveva seguito un corso di primo soccorso. E’ intervenuto prendendosi cura del bimbo in preda alle convulsioni con freddezza e concentrazione e questo gli ha permesso di salvarlo dal soffocamento.

Il finanziere in quel momento era libero dal servizio ed era in compagnia della moglie. Si è accorto che il bambino stava male mentre stava entrando in un negozio.

Ovviamente l’atto del finanziere non poteva passare inosservato e, a parte i complimenti di chi era presente, la notizia è arrivata anche al comandante provinciale della Guardia di finanza di Agrigento Massimo Sobrà che ha espresso orgoglio per l’intervento di Stamerra ed ha sottolineato che il loro compito non è solo repressivo ma che la loro professionalità è anche al servizio di tutti.