Via libera al passaggio ad Amap del servizio ex Aps per la fornitura idrica nei comuni della provincia di Palermo. I sindacati firmano l’accordo con la curatela fallimentare e l’Amap per l’affitto del ramo di azienda della società fallita Acque potabili siciliane alla società partecipata del Comune di Palermo. L’accordo, sottoscritto presso la sede della società in fallimento Aps, in via Ugo la Malfa, era l’ultimo atteso passaggio: prevede che i lavoratori dovranno gestire il servizio idrico integrato nei 38 comuni della provincia di Palermo che hanno aderito al piano di fuoriuscita dall’emergenza idrica.

Il 15 maggio scorso, l’atto temporaneo di affidamento ad Amap spa del servizio idrico integrato fino al 30 settembre 2015 è stato trasmesso dalla Aato1 Palermo e dai comuni dell’ambito territoriale con l’impegno a disporre l’affidamento definitivo alla stessa Amap. Soddisfatti i segretari provinciali delle organizzazioni sindacali firmatarie, Francesco Lannino per la Filctem Cgil, Giovanni Musso di Femca Cisl, Maurizio Terrani di Uiltec Uil, Margherita Gambino di Ugl Chimici e Raffaele Loddo di Cisal Federenergia: “Si è finalmente avviato il percorso virtuoso di garanzia della continuità del servizio idrico integrato, della salvaguardia occupazionale di tutti i 202 lavoratori e per lo sviluppo dell’azienda Amap, proiettata a divenire il gestore unico di ambito territoriale ottimale”.

“Questa soluzione – aggiungono i segretari provinciali di Filctem Cgil, femca Cisl, Uiltec Uil, Ugl Chimici e Federenergia – potrà di essere di esempio per tutte le altre situazione di crisi presenti in quasi tutte le province di Sicilia. Adesso la Regione deve rendere immediatamente fruibili le provviste economiche di 8 milioni di euro già approvate in finanziaria regionale (in realtà 6 milioni e 400 mila euro rispetto agli 8 milioni inizialmente previsti per effetto dei due mesi di ulteriore proroga che non sono stati svolti da Amap come era previsto ndr) da destinare ad Amap per la gestione del servizio idrico intergrato e consentire il pagamento delle retribuzioni arretrate dei lavoratori da ben 7 mesi”.

 “L’Amministrazione comunale di Palermo esprime apprezzamento per la definizione della vertenza Aps, che ha visto protagonisti l’Amap e numerosi sindaci della provincia di Palermo – spiega il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando – e che consentirà  la normalizzazione del servizio idrico integrato nei 35 comuni che hanno aderito alle gestione Amap e la salvaguardia dei livelli occupazionali del personale ex Aps. Il contratto di affitto da parte di Amap del ramo di azienda della Aps – aggiunge Orlando – fallita per una dissennata gestione privata, con oltre dieci anni di insopportabili logiche accaparratorie di risorse pubbliche, costituisce la conferma della necessaria gestione interamente pubblica del Servizio Idrico integrato. Tale affitto, come primo fondamentale risultato, è stato reso possibile per la grande collaborazione istituzionale dei sindaci dei Comuni interessati, che hanno superato ostacoli di ogni genere e delle organizzazioni sindacali che hanno favorito questo processo con senso di responsabilità. Adesso inizia una fase tanto delicata quanto importante – conclude il primo cittadino – premessa indispensabile perché si pervenga ad un unico gestore interamente pubblico dell’ambito sovra-comunale e si superino le disastrose condizioni di reti e depuratori prodotte da quella fallimentare gestione privata”.

Tira un sospiro di sollievo anche l’assessore di Sciara Stefania Munafò che per giungere a questo punto si è battuta dando vita anche a scontri e momenti di tensione e che non abbandona una vena critica “Bisogna ringraziare innanzitutto la pazienza e la disponibilità dei lavoratori, poi l’impegno del Commissario che si è assunto anche gravose responsabilità durante le fasi di questa difficile vertenza. il servizio passa ad Amap come si è sempre auspicato ma l’azienda palermitana è riuscita a fare una operazione di mercato puro ottenendo risorse e garanzie e mettendo un importante ‘cappello’ sulla aggiudicazione del servizio a settembre quando scadrà questo affidamento”.

“L’affidamento all’Amap del servizio idrico integrato di 35 Comuni della Provincia di Palermo, formalizzato questa mattina, è un importante risultato sia per i cittadini – dice l’assessore all’energia Vania Contrafatto – che finalmente riceveranno un servizio degno di questo nome, sia per i lavoratori ex Aps cui viene data una prospettiva di stabilità. Il ruolo della Regione in questo processo è stato determinante ed è andato ben oltre le competenze previste: la nomina di un commissario per l’Ato e lo stanziamento in Finanziaria del contributo di start up hanno garantito sicurezza e stabilità, nonostante il comportamento spesso contraddittorio dei soggetti coinvolti, Amap e Comune di Palermo in primis. Il servizio idrico integrato è infatti affidato ai Comuni che però hanno dato prova, più volte, di non riuscire da soli a fronteggiare l’emergenza. Nonostante tutto si conclude positivamente una vicenda lunga e complicata e per questo non possiamo che esprimere piena soddisfazione”.