Sit in e presidi dei lavoratori della formazione professionale organizzati da Flc Cgil, Cisl e Uil scuola si terranno il 22 maggio davanti a tutte le prefetture della Sicilia.

La mobilitazione proseguirà il 27 con altri sit- in, questa volta davanti agli uffici provinciali del lavoro e ai centri per l’impiego e culminerà il 4 giugno nello sciopero regionale di tutto il comparto ( formazione, OIF, Sportelli multifunzionali).

Lo hanno deciso gli esecutivi regionali di Flc , Cisl Scuola e Uil Scuola riunitisi oggi a Enna. “I lavoratori – dice Giusto Scozzaro, segretario generale della Flc Sicilia- sono ormai allo stremo: non ricevono stipendio da molti mesi e hanno ormai difficoltà pure a sostenere i costi dei loro spostamenti verso i luoghi di lavoro. E’ una situazione inaccettabile- sottolinea Scozzaro- che sta determinando il crescere della tensione tra i lavoratori: noi chiediamo al governo di dare subito risposte concrete e di risolvere i problemi sul tappeto”.

A seguito delle manifestazioni degli ultimi giorni la V commissione dell’Ars ha intanto deciso di convocare per martedi’ 21 maggio, alle 10, sindacati, enti e governo.

im