La Polizia di Stato di Palermo ha arrestato Arcangelo Roberti, 41enne del quartiere di Brancaccio, Pietro Cricchio, 36enne, del quartiere di Brancaccio e Mario Castelli, 41enne, dell’Albergheria, poiché responsabili del reato di tentato furto, pluriaggravato, in concorso.

Avevano tentato un blitz in grande stile, nel cuore della notte al “Villaggio S. Rosalia”, nei box di un’area condominiale; per farlo erano arrivati a bordo di due vetture rubate ed un motociclo di grossa cilindrata.
La notte tra sabato e domenica, è andata male a cinque malviventi, per tre dei quali sono, inesorabilmente, scattate le manette; per gli altri due sono in atto le ricerche della Polizia di Stato.

In via Vitali, provvidenziale è stato il passaggio di una “volante” dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico che ha notato come nelle adiacenze dell’area di accesso di un box condominiale, stazionassero un motociclo e due vetture, queste ultime risultate rubate e con il motore ancora caldo.
Gli agenti hanno fatto ingresso nei box: all’interno cinque malviventi erano all’opera sulla saracinesca di un box con un’asta piegatubi.

All’ “Alt Polizia” è scattato il fuggi fuggi: due malviventi sono riusciti a far perdere le loro tracce per le vie limitrofe, Roberti e Castelli sono stati, invece, bloccati all’interno della corsia; Cricchio è stato inseguito, braccato ed ammanettato, dai poliziotti delle Volanti, poche decine di metri fuori dai garage.

L’intento del commando era quello di far razzie del contenuto dei box: uno era già stato aperto ed il contenuto (attrezzi idraulici e da giardinaggio), sottratto alle scaffalature, era stato “raccolto” proprio dietro la porta del box, pronto per essere trasferito alla vicina vettura; la porta era stata momentaneamente richiusa ed assicurata con un catenaccio, le cui chiavi sono state trovate addosso ad uno dei malviventi. Lo stesso sistema sarebbe stato adottato per gli altri box, sul secondo dei quali i malviventi erano già intervenuti quando sono stati sorpresi dagli agenti.

Le due vetture utilizzate per raggiungere il “Villaggio S.Rosalia” sono risultate rubate e, per questo, i malviventi, sono stati anche denunciati a piede libero per il reato di ricettazione.
I mezzi sono già stati riconsegnati ai legittimi proprietari.
Febbrili indagini sono in corso per risalire ai due malviventi fuggiti.