“Dopo avere richiesto per oltre due mesi un incontro con la dirigente Corsello, apprendiamo che il dipartimento intende ricorrere alla sussidiarietà dello Stato per l’attuazione del progetto Garanzia giovani. Siamo molto preoccupati“. Lo dichiarano il segretario dell’area lavoro e il segretario di categoria della Cisl Fp Alfredo Piede e Paolo Montera, in seguito a un incontro sul progetto Youth guarantee terminato ieri in tarda serata.

“Più di due mesi fa – ribadiscono i dirigenti sindacali – avevamo avanzato una richiesta formale di incontro per discutere sulle modalità d’attuazione della garanzia giovani, con particolare riferimento al ruolo dei centri per l’impiego e al futuro del personale regionale. Soltanto ieri sera – aggiungono – abbiamo avuto la possibilità di discuterne. E il progetto, lo ricordiamo, è partito già dal 2 maggio. Inoltre la dirigente Corsello ha dichiarato che ricorrerà alla sussidiarietà dello Stato per l’attuazione di un progetto così importante per tanti giovani siciliani. Se così fosse, questa inversione di rotta paleserebbe una grave ammissione d’incapacità gestionale che non possiamo che accogliere – concludono Piede e Montera – con grande preoccupazione”.