Nonostante gli 11 mesi di età, i genitori l’hanno lanciata da sola con un paracadute ascensionale, ma alla fine dell’impresa si sono ritrovati una denuncia presentata dalla polizia locale: l’episodio è accaduto a Kerala dove i genitori della piccola Niya Nisam, entrambi amanti del volo, hanno deciso di far fare la prima esperienza anche alla figlia.

I due genitori sostengono di aver “addestrato” Niya per un mese, ciò nonostante la bambina ha concluso il lancio in lacrime e molto impaurita, come dimostrano i video.

P.N.Unnirajan, il capo della polizia distrettuale, ha assicurato di aver lasciato la spiaggia in cui è avvenuto il tutto prima del lancio e che comunque gli era stato assicurato che qualora l’avessero fatto, uno dei genitori si sarebbe lanciato assieme alla bambina.

La Malabar Aero Sports Society (MASS), la società che si è occupata dell’organizzazione dell’evento per “promuovere lo sport” ha in realtà sfruttato l’assenza di leggi in India relative ai limiti di età per la pratica di attività estreme, ritrovandosi adesso nel caos a causa dell’importanza che i media indiani hanno dato a questa vicenda.