Forse qualcosa in più di un mal di pancia politico. L’ingresso in Forza Italia di Francantonio Genovese, Franco Rinaldi e Maria Tindara Gullo, annunciato nei giorni scorsi da Gianfranco Miccichè, ha provocato da subito qualche malumore soprattutto fra gli ex An.

In particolare è il deputato acese Basilio Catanoso che ha non ha nascosto il proprio dissenso ed in due distinte occasioni non le ha mandate a dire preannunciando anche la richiesta di un incontro con Silvio Berlusconi al quale, sul caso siciliano, sarebbe stata ‘raccontata una versione artefatta della realtà’.

L’ex premier già domani potrebbe riunire a Roma la presidenza ed i coordinatori regionali di Forza Italia per affrontare la questione, ma intanto i big ex An Maurizio Gasparri ed Altero Matteoli esaminano il caso siciliano.

“L’idea di rafforzare Forza Italia anche aggregando energie nuove va benissimo. Che in Sicilia Gianfranco Miccichè provi a farlo è condivisibile ma – hanno affermato in una dichiarazione congiunta – riteniamo necessario prima coinvolgere la classe dirigente, coloro che hanno tenuto e tengono ancora in piedi un partito disastrato, per fare esempi molto calzanti esponenti come gli onorevoli Basilio Catanoso e Salvo Pogliese ed altre personalità che, a differenza di altri, sono stati sempre leali con Silvio Berlusconi”.

“Chiediamo – conclude la nota – al neo commissario del partito di agire con il massimo della determinazione ma anche ascoltando il parere dei dirigenti che non possono e non devono essere scavalcati nel processo di rinascita di Forza Italia”.