Torna in libertà il deputato Francantonio Genovese arrestato a Messina nell’ambito dello scandalo sui corsi d’oro e rimasto, dopo qualche giorno di carcere, per 19 mesi agli arresti domiciliari.

E’ accusato di truffa e frode fiscale nell’ambito di una inchiesta della Procura di Messina sui corsi di formazione professionale gestiti nel messinese da alcuni enti che facevano capo, in vario modo,a lui e alla sua famiglia.

Ieri pomeriggio gli è stato notificato, nella sua casa di Ganzirri, il provvedimento che gli restituisce la libertà ma con alcune limitazioni. Per Genovese rimane l’obbligo di dimora e dunque non potrà allontanarsi da Messina.

La difesa si sta comunque attivando per chiedere la revoca dell’ulteriore provvedimento che ne impedisce lo svolgimento delle sue funzioni di parlamentare.