Ben duecento chili di giochi d’artificio stipati in un deposito irregolare e pronti per essere immessi sul mercato delle bancarelle abusive in vista delle feste di natale e soprattutto capodanno.

E’ quanto ha scoperto la Guardia di Finanza di Siracusa  che ha sequestrato poco meno di 5000 razzi e petardi di vario genere e natura.

Le Fiamme Gialle, insospettite dal movimento di un’auto in una zona abitata del centro di Siracusa, hanno effettuato un controllo in un garage privato. Le successive perquisizioni hanno permesso di rinvenire 4.679 razzi, riuniti in batteria, e di segnalare un 33enne siracusano, resosi responsabile dei reati di fabbricazione o commercio abusivo di materie esplodenti ed omessa denuncia alle Autorità competenti.

Una vera e propria “Santa Barbara” considerato che il deposito era destinato al ricovero di materiale altamente infiammabile, e rappresentava un alto potenziale esplosivo che, in caso di innesco accidentale, avrebbe provocato notevoli danni nelle zone circostanti.Le indagini, ancora in corso, sono orientate ad individuare ulteriori autori del traffico, e, soprattutto, a risalire alle rotte commerciali di approvvigionamento.