A Palermo si è riunito il gruppo parlamentare del Megafono all’A.R.S. (Coltraro, Di Giacinto , Dipasquale, Malafarina , e Oddo) con la partecipazione dei coordinatori provinciali di tutta la Sicilia ; ha anche partecipato l’assessore regionale al Territorio Mariella Lo Bello che ha manifestato la sua appartenenza al Megafono.

Tema della riunione è stata la l’intensificazione dell’attività del Megafono a livello regionale e locale nell’ ambito dell’azione di rinnovamento politico e di riforma del Presidente Crocetta.
I coordinatori di Palermo, T. Lima, di Catania, G. Caudo, di Messina G. Ardizzone, di Siracusa A.Lupo, ed altri hanno analizzato la situazione dei rispettivi territori ed avanzato proposte politiche ed organizzative per dare soluzioni alle problematiche che oggi non hanno ancora una soluzione.

Dal dibattito è emersa anche la necessità di procedere alla definizione della struttura organizzativa ufficializzando lo statuto del Megafono e i tesseramenti con regole e certezze su istanza delle decine di amministratori locali che chiedono di intensificare nei territori la realizzazione del progetto politico.
Di tale processo si faranno carico i coordinatori provinciali che hanno già speso energie nel radicamento del Megafono, che ne sono i più qualificati autori.

È necessario accelerare un processo di cambiamento – si legge nella nota stampa – che liberi le risorse della Sicilia dalle pastoie burocratiche che da troppi anni ostacolano la vita di cittadini ed imprese che oggi vivono una condizione di profondo disagio.
Trovare soluzioni ad una crisi economica ormai asfissiante, creando sviluppo e occupazione senza i quali non esiste neanche dignità delle persone in una società priva di energie e ripiegata su se stessa, eliminare corruzione e sprechi intollerabili sotto ogni punto di vista, semplificare la burocrazia, ridurre i costi della pubblica amministrazione, recuperare il degrado dei territori, migliorare servizi ed infrastrutture sono punti irrinunciabili per il Megafono e la loro realizzazione dovrà esser affidata a persone capaci e meritevoli che assicurino nuove e più fresche energie libere da quelle pregresse e condizionanti appartenenze politiche che hanno fallito nella loro azione”.

Nella riunione di coordinamento regionale , presieduta da Malafarina, si è pertanto unanimemente deciso un’intensificazione dell’azione politica per dar corpo agli impegni assunti su un progetto di rinnovamento della politica e della società che rimuova logiche di partito e sostenga l’azione del centro sinistra nel migliorare e semplificare la vita di cittadini e imprese.

“Chiuso il periodo congressuale del Pd – concludono gli esponenti del Megafono – è necessaria una fase di rilancio dell’azione politica e di governo alla quale il Megafono , nella sua autonomia e nell’ambito di progetti condivisi , non può e non vuole sottrarsi per le promesse e gli impegni in precedenza assunti”.