“Candussio? Certe valutazioni spettano alla società. Voltiamo pagina, pensiamo alle prossime partite”. Cosi’ il tecnico del Palermo, Beppe Iachini, sull’arbitraggio del direttore di gara di Cervignano del Friuli nella gara di sabato scorso in casa del Carpi.

La società rosanero, dopo le 5 espulsioni (i giocatori Daprelà e Milanovic, lo stesso tecnico e i dirigenti Perinetti e Francoforte) ha presentato reclamo e chiede la ripetizione della partita.

Il tecnico rosanero vuole guardare avanti anche se tornando sul ko in Emilia, dice: “il Carpi si è difeso molto bene, e’ difficile in queste circostanze trovare varchi. La gara è cambiata con il rigore”. A Santo Stefano il match interno contro la Ternana e Iachini avvisa: “dobbiamo abituarci a trovare la chiave per vincere anche negli spazi stretti: capitera’ molto spesso”.

Intanto nel corso della riunione di oggi, il Giudice Sportivo ha respinto il ricorso presentato dal Palermo a causa della condotta di gara dell’arbitro Renzo Candussio giudicandolo “inammissibile”. Sempre il giudice sportivo ha squalificato Milanovic per tre giornate effettive, Fabio Daprelà per una giornata, Edgar Barreto Osvaldo ed Ezequiel Munoz per una giornata.