Il Catania scarica la sua rabbia sull’Udinese e vince dopo un lungo digiuno. L’astinenza da risultato è immensa, il ritmo incalzante da sangue & arena carica la squadra, che affronta i ragazzi di Guidolin con impeto.

La partenza è veloce, convincente, ma dura poco più di venti minuti. Un tempo utile per la resistenza dell’Udinese che barcolla sotto i colpi di Keko & Maxi ma non si piega. L’effetto “adrenalina” si esaurisce qui, con una splendida conclusione di Castro respinta da Brkic e un liscio di Keko a porta vuota (lo spagnolo è però disturbato da un difensore bianconero).

Smaltita l’ira funesta i rossazzurri rallentano e l’Udinese riemerge. In otto minuti Muriel e Pereyra spaventano il Massimino con due ripartenze velenose. La sorte, però, poggia la sua mano benevola su Legrottaglie, abbracciato platealmente in area da un affettuosissimo Domizzi. Calcio di rigore e Maxi sfonda. Fugace attimo di sollievo con la felicità contenuta dell’argentino dal ciuffo paglia e fieno.

Ma non è finita. Nella ripresa l’Udinese sfodera un assalto all’arma bianca, con il Catania schiacciato nella sua fetta di campo a difendere il gol. I rossazzurri arrancano, perdendo per strada Almiron e imponendo a Izco e Alvarez di stringere i denti e armare le barricate. Quarantacinque minuti vissuti col batticuore, tra innumerevoli rischi e sporadici tentativi di alleggerimento. L’Udinese è rabbiosa, rivendica un calcio di rigore negato per una manata di Tachtisidis in area di rigore, fallo avvenuto nel primo tempo.

Il Catania ce la fa. Contavano solo i tre punti e sono arrivati. Il respiro resta affannoso, tra assenze di spicco e uomini col fiato corto buttati nella mischia per necessità. Ma questo non è il momento di fare gli schizzinosi. La squadra ha ritrovato il suo spirito guerriero e può rifiatare. Alla fine, conta solo chi la butta dentro e oggi il Catania l’ha fatto.

CATANIA-UDINESE 1-0

CATANIA (4-3-3): 21 Andujar, 5 Rolin, 24 Gyomber, 6 Legrottaglie, 33 Capuano (cap); 17 Guarente (dal 64′ Alvarez), 7 Tachtsidis, 4 Almiron (dal 47′ Izco); 26 Keko (dal 70′ Leto), 10 Maxi Lopez, 19 Castro. (1 Frison, 35 Ficara, 3 Spolli, 22 Alvarez, 34 Biraghi, 20 Freire, 32 Petkovic). All.: De Canio.

UDINESE (3-5-1): 1 Brkic; 75 Heurtaux (dal 61′ Nico Loepz), 5 Danilo, 11 Domizzi (dal 46′ Naldo), 8 Basta, 21 Lazzari, 66 Pinzi (dal 82′ Allan), 37 Pereyra, 34 Gabriel Silva; 32 Fernandes; 9 Muriel. (30 Kelava, 75 Heurtaux, 6 Bubnjc, 27 Widmer, 7 Badu, 52 Merkel, 14 Milner, 94 Zielinski, 18 Jadson, 19 Douglas, 17 Nico Lopez, 13 Ranegie). All. Guidolin.

ARBITRO: De Marco di Chiavari

MARCATORI: 29′ Maxi Lopez (rig.)