Due vittorie consecutive e, adesso, la possibilità concreta di annullare in sole tre giornate la penalizzazione. Pippo Pancaro non ha nessuna intenzione di pensarci e vuole mantenere alta la concentrazione solo sull’impegno di domani contro l’Ischia.

“Il mio modo di gestire questa partenza è che non abbiamo tempo di pensarci, dobbiamo pensare solo alla partita di domani perché è difficile e importante. Siamo concentrati sull’Ischia. Una partita non può determinare il futuro. Ci teniamo a ben figurare perché è la prima davanti ai nostri tifosi. Dobbiamo sempre provare a fare la partita e ottenere un risultato positivo, attraverso il gioco, il cuore e la grinta. Non ci sono partite semplici, partite scontate. Domani incontriamo una squadra che ha vinto due partite, ben organizzata, che sa bene quello che c’è da fare in campo”

Che partita si aspetta?

“Parto da un grande rispetto degli avversari, detto questo non faccio le mie scelte in funzione di noi stessi. Dobbiamo farla noi la partita, Metto in campo chi è più fresco. Bisogna prendere degli accorgimenti”

A Monopoli ha cambiato molto, frutto delle partite ravvicinate o fa parte del suo modo di allenare?

“La società mi ha messo a disposizione un organico importante e quindi posso cambiare, anche radicalmente, senza snaturare la squadra e senza particolari problemi. A Monopoli ho cambiato tanto e siamo riusciti a vincere. Per un allenatore è importante. Penso che anche contro l’Ischia ci saranno cambiamenti importanti, perchè la mia filosofia è di mettere in campo chi sta meglio. Anche per questo è stato possibile fare cambi decisivi durante la partita. A Monopoli, per esempio, sono entrati Scarsella e Falcone, due giocatori importanti per la categoria”

La possibilità di annullare la penalità con un’altra vittoria, cambia qualcosa nella vostra stagione?

“Non cambia niente perché io credo molto nella programmazione. Non può essere una settimana a far cambiare le nostre idee. Dobbiamo gettare le basi per la prossima stagione: quest’anno il nostro obiettivo è la salvezza”

Vuole chiedere qualcosa ai tifosi per la partita di domani?

“Ai tifosi non posso chiedere nulla. Io e miei ragazzi dobbiamo solo dare e in questo avvio abbiamo dato tutto. Sono certo che nel momento giusto, i tifosi, sapranno darci una mano”

Focus sui singoli. Rientra Russotto, difficile tenerlo in panchina…

“E’ un giocatore forte, fortissimo. Se gioca in questa categoria, vuol dire che ha sbagliato qualcosa in questi anni. Il mio obiettivo è fargli fare quello che ha fatto a Matera per un anno intero”

Stesso discorso vale per Scarsella, il goleador in queste prime partite…

“Fabio è un giocatore molto importante che abbiamo voluto fortemente, che interpreta nel migliore dei modi quello che chiedo io alla mezzala”

Gli attaccanti per adesso non hanno segnato. E’ preoccupato?

“Il gol arriverà tranquillamente e senza alcun problema. Sono molto contento del lavoro che stanno facendo in fase di non possesso. Calil è un trascinatore ed è un segnale importante per tutta la squadra”

Concludiamo con i terzini. E’ soddisfatto delle loro prestazioni?

“Sono molto contento di Parisi, Nunzella e Garufo. Stanno facendo quello che gli chiedo e per questo sono soddisfatto”

La vera forza del Catania è il gruppo?

“Siamo un blocco granitico. Dai giocatori al magazziniere. La società ha fatto un gran lavoro per creare questo gruppo che ha un solo obiettivo: fare bene per il Catania. Mi auguro che in questo blocco entrino presto anche i tifosi”

 

a cura di Sicra