Il taglio del nastro avverrà giovedì 24 luglio alle ore 18 alla presenza del sindaco di Alcamo, Sebastiano Bonventre, dell’assessore alla Cultura, Selene Grimaudo e di Anna Parrino, ingegnere capo del Comune.

Il Collegio fu realizzato nel ’600 e alcune delle parti previste dal progetto originario non furono mai realizzate. Il progetto originale è conservato presso la Biblioteca Nazionale di Parigi.

Dopo un restauro durato circa 7 anni per esigenze di diffusione della fede e della formazione spirituale, la struttura sita in piazza Ciullo ospiterà adesso, oltre alla biblioteca civica, anche il Museo di Arte Contemporanea.

GUARDA LE FOTO

Ad illustrare i passaggi che hanno reso possibile la fruizione al pubblico nella nuova veste di contenitore d’arte e cultura saranno l’architetto Vito Garbo, che ha seguito i lavori di allestimento del museo, e la professoressa Alessandra Badami del dipartimento di Architettura dell’Università di Palermo, progettista di “Creative LAB Alcamo“.

L’iniziativa è finanziata con fondi europei, dedicata allo start up del Museo di arte contemporanea insieme al direttore artistico, l’architetto Vincenzo Fiammetta.

Sarà presente anche il maestro Fausto Cannone, che ha dato vita alla collezione di strumenti che sarà esposta in un’ala del collegio come Museo degli strumenti etnomusicali.