Un debutto difficile, come da copione, ma il cuore più che la condizione fisica ha fatto la differenza. La squadra di Di Napoli si è dimostrata gruppo e nonostante lo svantaggio in termini di punteggio e di uomini in campo (espulso Burzigotti), ha avuto la forza di crederci fino alla fine: fino al 92′ esattamente, quando Diogo Tavares, l’ultimo arrivato, con una incornata.

Il 4-3-3 è figlio delle scelte maturate durante il pre-campionato, la formazione frutto del lavoro di Cristian Argurio in sede di mercato: per i giallorossi Berardi in porta, Martinelli, Palumbo, De Vito e Frabotta in difesa, Bramati sulla mediana, Fornito e Giorgione in mezzo al campo dietro la punta Salvemini, accompagnato nell’azione offensive dalle ale Barraco e Padulano. Nel primo tempo regge un sostanziale equilibrio, l’unico intervento degno di nota è quello di Berardi sulla conclusione di testa di Gambino; la gara si accende nel secondo tempo, quando Giorgione coglie una clamorosa traversa al 18′.

L’espulsione di Burzigotti per doppio giallo indebolisce i giallorossi che quindi subiscono l’iniziativa avversaria, concretizzatasi al 36′ dall’ex senza gloria Antonio Croce, pronto a sfruttare un momento di confusione della retroguardia giallorossa. Proprio nel finale Tavares sfrutta al meglio il cross di Padulano e insacca il portiere avversario per il primo punto stagionale.

Prossimo appuntamento mercoledì, nel recupero a Benevento.

Per saperne di più: www.messinaora.it