Visita istituzionale ieri ad Aci Castello per il ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti che ha fatto il punto sull’emergenza dissesto idrogeologico e sul collettore fognario.

Per l’intera area etnea sono stati stanziati circa 57 milioni di euro dei 95 milioni previsti per la Sicilia e saranno ripartiti tra la realizzazione della rete delle acque bianche, il completamento del primo lotto della rete fognaria del centro abitato, il completamento del collettore pluviale e un intervento per la regimentazione delle acque piovane in via Trieste a Ficarazzi.

Galletti ha ricordato in Italia “ci sono migliaia di situazioni simili”.

“Credo – ha detto – che in tempi medi arriveremo a finanziarli: se devo fare una previsione nei primi mesi del 2016. Sono in arrivo i prossimi fondi di coesione che saranno destinati in larga parte per il Sud e quindi la Regione segnali quali altri interventi occorrono”.

Con Galetti c’era lo stato maggiore di Ap-Ncd da Gianpiero D’Alia (Udc) a Giuseppe Castiglione (Ncd) e gli assessori regionali Vania Contrafatto e Giovanni Pistorio. A fare gli onori di casa il di Acicastello Filippo Drago.