“Nel calcio esiste il premio ‘seminatore d’oro’ che a fine stagione viene assegnato al
miglior allenatore, nella politica siciliana invece possiamo istituire un premio per il “seminatore di zizzania” che può essere assegnato al presidente della regione Raffaele Lombardo. Se il governatore ha inteso dare vigore alla sua proverbiale fumisteria citandomi e tessendo lodi, credo che agli occhi di attenti osservatori la sortita non possa essere che catalogata come gossip estivo senza fondamento”. Lo afferma Nino Dina, segretario regionale dei Popolari di Italia domani, in risposta alle indiscrezioni di stampa (che lo vorrebbero nuovo presidente della commissione Bilancio) dopo le parole di apprezzamento nei suoi riguardi di Raffaele Lombardo ieri a Catania.

Reazioni positive, invece, Alleati per la Sicilia. “Il patto federativo siglato con l’Mpa qualifica Alleati per la Sicilia interlocutori attivi di questo nuovo movimento fondato dal presidente Lombardo. L’incontro svolto segna l’inizio di una nuova fase per la politica siciliana – dice Riccardo Savona -, caratterizzata da un Terzo polo rafforzato e rinvigorito, che vuole e deve intervenire sul territorio innescando nuovi stimoli per i nostri giovani e riconquistando l’attenzione dei tanti siciliani che riservano aspettative dalla classe politica”.
“Prima di tutto la Sicilia, prima di tutto le riforme. Questo è il binomio attorno a cui costruire un nuovo sistema di alleanze tra Pd, Mpa, Terzo polo e forze progressiste”. E’ la posizione del senatore del Pd Giuseppe Lumia, che aggiunge: “Le scelte fatte sul
ritorno all’acqua pubblica, sullo stop agli inceneritori, sulla scuola a tempo pieno e quelle da fare sull’abolizione delle provincie per trasferire servizi e competenze a consorzi di Comuni”.

Per Giuseppe Castiglione, co-coordinatore del Pdl, “la distanza più grave con la Sicilia è dettata dal fatto che oltre ad una serie di bordate contro la Lega, non c’è stata da parte del leader nazionale del Mpa, oggi presidente della Regione, uno straccio di relazione sulla situazione economica della nostra isola“, commentando l’intervento di Raffaele Lombardo all’assemblea regionale del Mpa a Catania. “Avremmo voluto sapere qualcosa sull’emergenza occupazione, sullo stallo per gli investimenti pubblici e privati, sulla grave crisi finanziaria della nostra regione -ha aggiunto Castiglione – sul perchè non si utilizzano le risorse comunitarie, sul fatto che non c’è neppure un decreto di attuazione del federalismo fiscale in Sicilia o sui sindaci che non hanno trasferite le risorse per erogare i servizi sociali nei comuni”.

fol