Il Palermo si gode le meritate vacanze dopo aver chiuso il girone di andata di serie b al primo posto in classifica. La preparazione dei rosanero riprenderà il 7 gennaio in vista della prima gara del girone di ritorno contro il Modena al “Barbera” il 25 gennaio.

Non si riposa invece Giorgio Perinetti. Il direttore responsabile dell’area tecnica rosanero, sta lavorando per cercare di migliore l’ organico nel mercato di gennaio, che domani aprirà i battenti. Si cerca un regista alla Lodi, un esterno di sinistra che possa alternarsi con Daprelà e un difensore centrale. Per il centrocampo piacciono Tachtsidis e Donadel. Il primo è chiuso al Catania dall’arrivo di Lodi, il secondo non ha trovato spazio all’Hellas Verona e dunque potrebbe ricominciare dalla serie B per giocare di più. In difesa Vitiello (svincolato) dovrebbe aver raggiunto un accordo con la dirigenza rosa, ma la società deve rispettare il limite di 18 tesseramenti over 23.

Lo sa bene il responsabile dell’area tecnica del club di viale del fante: “Dobbiamo solamente riequilibrare l’organico -ha detto Perinetti al palermocalcio.it – ricordiamoci che siamo partiti lavorando per un 4-2-3-1, oggi giochiamo diversamente. È chiaro che bisogna trovare qualcosa, se il mercato lo metterà a disposizione. Cambiare non ha nessun senso, se riusciamo a migliorarci con due-tre innesti di qualità, allora ne vale la pena. Ricordiamoci sempre la lista dei 18, ricordiamoci che il mercato di gennaio difficilmente regala giocatori di grandissimo spessore, quindi bisogna stare attenti a quello che si può fare e ricordiamoci anche che dobbiamo comunque tenere dei parametri economici molto rigorosi. Non possiamo pensare di prendere nel mercato di gennaio giocatori che vengono a guadagnare qui chissà che cosa. Quindi bisogna essere molto attenti, molto giusti, molto equilibrati, molto equi per non spaccare lo spogliatoio”.