Brutta sconfitta del Palermo al Barbera contro il Sassuolo per 1-0. Prestazione opaca di Vazquez e compagni che non riescono mai ad impensierire la porta di Consigli che oggi è uno spettatore non pagante. In crisi il reparto offensivo rosanero in emergenza dopo il brutto infortunio di Djurdjevic. Il solo Gilardino infatti non incide e rimane isolato dalla manovra rosanero, sia perchè non è ancora in ottime condizioni, ma anche perchè viene assistito poco dai compagni. Male anche centrocampo e difesa con Jajalo fuori ruolo in cabina di regia e un Gonzalez che sta attraversando un calo di rendimento. A Iachini il compito di risollevare una squadra in crisi, ma che gode di una discreta classifica, in virtù delle due vittorie iniziali con Genoa e Udinese.

Iachini si affida al solito 3-5-2 e lancia Gilardino in avanti insieme a Franco Vazquez. A centrocampo rientra Rigoni, confermato Hiljemark dopo i tre gol in campionato. Primo tempo che si accende subito con un paio di occasioni per gli ospiti. Il Palermo subisce la manovra degli uomini di Di Francesco che pressano alto e non fanno ragionare il centrocampo rosanero guidato da Jajalo in cabina di regia.
Il gioco non decolla e il numero 11 rosanero è sempre più isolato, perchè i cross latitano e dal centrocampo non arrivano verticalizzazioni pericolose. E’ invece pericolosa la manovra degli emiliani che alla fine del primo tempo si portano in vantaggio con un eurogol di Floccari che aggira Gonzalez e con un tiro preciso infila Colombi all’angolino. Iachini viene espulso di nuovo per proteste.

La ripresa inizia con lo stesso leitmotiv dei primi 45 minuti e sono gli ospiti ad andare vicini al 2-0 con un tiro a incrociare di un Floccari in splendida forma. I rosa provano a cambiare i ritmi con Trajkovski e Maresca che entrano al posto di Hiljemark e Jajalo, ma la musica non cambia perchè la porta difesa da Consigli rimane un miraggio per la compagine di Iachini. All’ingresso di Robin Quaison i padroni di casa prendono coraggio e lo svedese riesce ad allargare leggermente la difesa ospite creando un po’ di scompiglio. Nel finale viene espulso anche Rigoni per proteste. Nei quattro minuti di recupero i rosa non riescono a creare pericoli e arriva la Seconda sconfitta di fila dopo il k.o. di San Siro.