Finisce a Firenze il magic moment rosanero. La regione Toscana non porta bene agli uomini di Iachini, che dopo la sconfitta di Empoli, compiono un passo falso anche oggi contro i viola che vincono con un rocambolesco 4-3.  Orfani di Dybala (assente a scopo precauzionale), i rosanero sono poco pungenti in attacco, nella ripresa l’ingresso di Quaison con una doppietta illude Barreto e compagni, ma al Franchi la difesa di Iachini fa acqua e subisce un gol nei primi 45 minuti e tre reti nella ripresa. Inutile il rigore finale trasformato da Belotti che è sembrato incisivo solo nella seconda metà della gara.

Inizio sfortunato del Palermo che deve fare i conti con l’assenza inaspettata del suo gioiello, Paulo Dybala, che sente un dolore al polpaccio in fase di riscaldamento e non può scendere in campo. Dal 1′ minuto gioca Belotti al fianco del Mudo Vazquez.  Partita che inizia in salita per i rosanero che soffrono la pressione asfissiante degli avversari, sempre in superiorità numerica sulla fascia destra dove Joaquin e Mati Fernandez fanno il bello e il cattivo tempo ai danni di Lazaar.

E’ proprio da un’azione sull’out di destra che nasce il gol dei viola: dopo un cross di Fernandez rasoterra interviene Cuadrado che con un tocca leggero smarca Pasqual che con diagonale potente batte Sorrentino. I rosa provano a reagire con Vazquez, ma il suo tiro viene controllato da Tatarusano. Poco movimento per Belotti che non punge in avanti e spesso si fa cogliere in posizione di off side.

Intorno al 32′ rosanero fortunati dopo una grande azione di Borj Valero. Lo spagnolo  dopo aver superato Munoz con un tunnel, prova uno scavetto che si stampa sulla traversa a Sorrentino battuto. Anche nel finale un po’ di buona sorte assiste i rosanero su un diagonale di Pizarro dal limite dell’area che impatta sul palo alla sinistra di Sorrentino.

Nella ripresa  la Fiorentina raddoppia dopo pochi minuti con Basanta sugli sviluppi di un calcio d’angolo.  Iachini lancia Quaison per Maresca e il nuovo entrato fa subito festa servito perfettamente dal Gallo. Dopo due minuti arriba il momentaneo pari. Al 16′ Pizarro sbaglia un retropassaggio, Marcos Alonso si distrae e Quaison si ritrova indisturbato davanti a Tatarusano siglando il 2-2 di piatto destro.

Dura poco però la gioia rosanero, al 19′ Cuadrado riporta in vantaggio i viola anticipando Feddal e Gonzalez.  I rosa rispondono con Belotti che manca però l’impatto con la sfera.

Al 30’st Joaquin chiude la partita con un gol alla Del Piero, inutile il rigore finale trasformato da Belotti. Dopo tre minuti di recupero l’arbitro fischia la fine decretando la sconfitta dei rosanero che venivano da ben nove risultati utili consecutivi.