Una rete spaccio di cocaina, marijuana ed eroina in contatto con l’organizzazione mafiosa della “Stidda” della provincia di Ragusa è stata scoperta dalla Polizia di Stato di Grosseto, che ha eseguito 13 ordinanze di misura cautelare nei confronti di soggetti di origine slava e nordafricana.

Dalle indagini condotte dagli uomini della Squadra mobile in collaborazione con quelli di Roma, Arezzo, Siracusa e Firenze è emerso che i canali di approvvigionamento della droga erano in Sicilia e nelle provincie di Roma ed Arezzo.

Dell’organizzazione facevano parte anche un minorenne, non imputabile perché non ha ancora 14 anni, e un uomo di origine albanese affiliato a un clan mafioso della “Stidda” della provincia di Ragusa. Eseguite numerose perquisizioni domiciliari che hanno portato al sequestro di
stupefacenti.