“Serve un accordo con i Paesi frontalieri e tra il governo regionale e i ministeri degli Esteri, degli Interni, del Lavoro e dell’Immigrazione per dare il via a un grande progetto di formazione professionale internazionale. Gli immigrati che giungono sulla costa siciliana dal Nord Africa ed ora anche dalla Siria diventino così una risorsa per gli investimenti della nostra Regione nel settore della formazione professionale”. E’ questa la proposta di Pippo Gianni, segretario regionale del Centro democratico e deputato all’Ars.

“Con i fondi dell’Europa, – spiega Gianni – il governo regionale potrebbe dare il via ad un programma, utilizzando proprio i lavoratori del settore disastrato della formazione regionale tramite anche il Ciapi di Priolo ed altri enti accreditati, per far acquisire preparazione professionale e conoscenze culturali ai migranti. Chiedo al presidente Crocetta di dare seguito alla mia proposta con la convinzione che dalla “formaziome professionale internazionale” troverebbe anche senso logico mantenere in piedi un settore che in Sicilia è stato sinonimo di clientele e sprechi”.