Si è svolto a Misilmeri l’incontro dei sindaci che aderiscono al ‘Patto di Ventimiglia’. Il sindaco di Misilmeri, Rosalia Stadarelli ha ospitato la riunione che ha visto una nutrita rappresentanza di amministratori. Fra gli altri relatori il sindaco di Palermo e presidente di AnciSicilia, Leoluca Orlando, e il primo cittadino di Ventimiglia, Antonio Rini.

Sono state affrontate diverse tematiche e sono state lanciate alcune iniziative. Per quanto riguarda l’Imu agricola è stato deciso di fare un’azione parallela al ricorso al TAR presentato dall’Anci. I sindaci, con un documento, hanno convenuto di interessare anche l’Istat per rivedere i criteri altimetrici dei Comuni.

Per quanto riguarda le zone colpite dalle calamità naturali, è stato approvato un documento da sottoporre alle commissioni Bilancio e Trasporti dell’ARS, per chiedere aiuto e sostegno.

“Il principio ispiratore dei sindaci che aderiscono al Patto di Ventimiglia è quello di farsi riforma da sé. Nell’attesa di una legge sui Liberi Consorzi, insabbiata da divisioni e flop clamorosi, i Comuni si riuniscono periodicamente per parlare lo stesso linguaggio dei cittadini – dichiarano Leoluca Orlando e Antonio Rini – infatti è evidente, prima ancora di entrare nel merito, che ci sia un problema di comunicazione istituzionale. I sindaci del Patto di Ventimiglia, anche ieri hanno dimostrato che, al piagnisteo e al lamento fine a se stesso, preferiscono la concretezza. Proposte attuabili sono state discusse su Imu, acqua, e rifiuti”.