Carichi di lavoro abnormi ed attribuzioni eccessive per i funzionari, misure di sicurezza insufficienti ed orari “impossibili” per i dipendenti : questi, in sintesi, gli argomenti trattati nell’ambito di un’assemblea sindacale tenutasi a Palermo presso la sede regionale e provinciale dell’Inps.

“La Uil Pubblica Amministrazione – spiega il segretario generale Alfonso Farruggia – sposa in pieno le legittime istanze di tutti i lavoratori e, nello specifico, chiede di riorganizzare la gestione dello sportello, sia sotto il profilo degli orari di ricevimento al pubblico che in materia di sicurezza degli operatori; di recente, infatti, si sono verificati casi di aggressione al personale da parte degli utenti”.

A preoccupare la UILPA, inoltre, è “la scarsa attenzione riservata dalla direzione generale alla figura del funzionario: ciascuno di essi – si legge in una nota – è diretto responsabile di un numero eccessivo di collaboratori, che possono raggiungere anche le quaranta unità”.

“La distanza tra i vertici dell’Istituto e il territorio – conclude Farruggia – è davvero eccessiva: il sindacato chiede una revisione complessiva della gestione interna”.
All’assemblea odierna hanno preso parte , oltre alla UILPA, anche Funzione Pubblica Cgil, Cisl FP, Fialp Cisal , USB e RdB.