I cosiddetti lavoratori parasubordinati possono usufruire dell’una tantum per il 2013. Il messaggio Inps n. 20803 del 18 dicembre 2012, attuativo della legge di riforma del mercato del lavoro n. 92/2012, estende ai co.co.pro. la possibilità di ricevere un’indennità per il lavoro svolto nel 2012, previo soddisfacimento di alcuni requisiti.

Per poter ottenere un indennizzo pari al 30% del reddito di lavoro percepito nell’anno precedente, che non potrà in ogni caso superare i 4mila euro, il lap deve:

– risultare senza contratto di lavoro da almeno 2 mesi alla data di presentazione della domanda;
– aver terminato il rapporto di lavoro entro il 31 dicembre per fine lavoro;
– aver operato in regime di monocommittenza;
– essere iscritto in via esclusiva alla Gestione separata Inps;
– aver conseguito nel 2012 un reddito lordo nella gestione separata tra i 5mila e i 20mila euro;
– aver accreditato presso la Gestione separata almeno una mensilità nel 2012 e almeno tre nell’anno precedente.

La domanda di prestazione di indennità una tantum, Cod. SR92, scaricabile dal sito Inps al presente link, deve essere presentata nei trenta giorni successivi all’ottenimento dei requisiti richiesti. In pratica, stando i due mesi dalla fine del rapporto lavorativo, il periodo utile varia dal 61° al 90° giorno dal termine dell’attività a progetto.

Il modello, comprensivo di dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro, andrà compilato in ogni sua parte e presentato presso gli uffici Inps della zona di residenza, tramite raccomandata a/r oppure tramite un ente di patronato.