Chiedendo a Philippe Daverio un’intervista al telefono e cercando di risparmiare sui costi della chiamata, gli ho domandato senza peli sulla lingua, se una volta liberato, avrebbe potuto lui stesso richiamarmi. Magari usando un telefonino di servizio avuto in dotazione dal Comune di Palermo.

La risposta è stata immediata. “Pago le tasse, ho una mia impresa a Milano con la quale posso pagare mezzo consiglio comunale. Non ho alcun cellulare di servizio se non il mio. E poi voi palermitani avete combinato tanti di quei pasticci che non ci sono più soldi – e incalza – avete un consiglio Comunale tra i più rissosi d’Italia. Sia da destra che da sinistra è più interessato ad altro, se no in 6 mesi avrebbe già votato il bilancio”.

Il Consiglio comunale di Palermo non ha approvato in tempo il bilancio, così sono stati messi a disposizione il denaro proveniente dal fondo di riserva del sindaco e i fondi Arcus per un totale di 280 mila euro. Quest’anno la celebrazione prevede la partecipazione di artisti e tecnici in scena con vari spettacoli. A tutti i cittadini che seguiranno la Santa nella sua sfilata per la città saranno distribuiti 30 mila lumini.

Su un carro nuovo realizzato con materiali riciclati dall’anno scorso sarà adagiata la statua in vetro alta 2 metri e 35 centimetri di Santa Rosalia, omaggiata dalla città di Murano al Comune di Palermo. E per concludere gli irrinunciabili fuochi d’artificio.

Secondo l’esperto del sindaco, Philippe Daverio, per il futuro è necessario creare una fondazione che dal 2011 organizzi la secolare festa dei palermitani. Il progetto del nuovo carro, che era stato commissionato a Luigi Serafini, non potrà essere realizzato per la parata del 14 luglio, in compenso ne sarà costruito uno di grandezza pari a 4 metri per essere piazzato su Monte Pellegrino il 4 settembre.

Da 2 milioni e 400 mila euro spesi per il Festino di Davide Rampello, al milione di 3 anni fa ai 600 mila euro dello scorso anno.

Quanto costa il Festino del 2010 mister Daverio?

“Al Comune di Palermo costerà 200 mila euro. Praticamente il 6 per cento di ciò che costava negli anni gloriosi, ma è giusto perché è un festino di crisi!”.

Chi sarà il protagonista?

“Una che merita tantissimo di essere menzionata è Santa Rosalia. È la grande festa di gioia per la Santa. Ritorniamo a una dimensione più religiosa e cristiana, più popolare”.

È stato già detto che Murano regalerà alla città di Palermo una statura in pregiatissimo vetro raffigurante la Santuzza. Quando arriverà?

“È un regalo e arriverà il giorno prima del Festino, il 12 o il 13 forse”.

Man mano che i toni si fanno più confidenziali, anche mister Daverio diventa più rassicurante.

“Troveremo i fondi per festeggiare la Santuzza, non preoccupatevi. Contiamo molto sul volontariato. Chiederò man forte al Vescovo, monsignor Romeo, che ha le leve del volontariato in città”.

È vero che dal 2011 avete in mente di affidare l’organizzazione del festino a una fondazione pubblica, così da riscattarlo dall’essere ostaggio politico?

“Non affido niente a nessuno, sono un consulente del sindaco non ho potere. Sicuramente esiste un’ipotesi di fondazione per trovare fondi quanto prima fra le sponsorizzazioni e le partecipazioni dirette”.

Che vuol dire?

“Per esempio, se vuole darmi 10 euro, li prendo volentieri!”.