Dopo la fase di verifica, l’avvio del confronto fra Riscossione Sicilia e le associazioni dei consumatori. Si è tenuto oggi a Catania il primo incontro per cercare una strada comune. Nel corso dell’incontro, il presidente Antonio Fiumefreddo ha chiesto alle associazioni dei consumatori un coinvolgimento nel nuovo corso della riscossione intrapreso in Sicilia e i rappresentanti delle associazioni hanno offerto la loro piena disponibilità chiedendo la stipula di un protocollo di intesa.

Riscossione Sicilia, quindi, e le Associazioni dei consumatori sottoscriveranno il 18 giugno prossimo un’Intesa, con la quale si intende facilitare i cittadini nell’adempimento dell’obbligo di imposta, anche attraverso la costituzione di canali telematici dedicati che consentano agli sportelli delle associazioni di dare delucidazioni ed indicazioni ai cittadini-utenti.

Nel corso dell’incontro si è anche stabilita la costituzione di un tavolo tecnico permanente per consentire alle associazioni un confronto continuo con i dirigenti di Riscossione Sicilia e raggiungere così l’obiettivo di una facilitazione degli adempimenti per prevenire inutili contenziosi, costosi per il cittadino e per l’Ente. A conclusione dell’incontro Fiumefreddo ha espresso “soddisfazione per la disponibilità seria e concreta offerta dalle associazioni dei consumatori, per il coinvolgimento, attraverso loro, dei cittadini nella fase della riscossione, così costruendo anche un esattore nuovo, non  più da temere ma al quale affidarsi per l’esercizio di un dovere civico”