“Esprimo la mia solidarietà al dottor Tartaglia, vittima di un inquietante gesto intimidatorio”. Lo afferma il ministro per la Funzione Pubblica  Gianpiero D’Alia dopo il raid compiuto da ignoti nell’appartamento del magistrato palermitano.

“La delicatezza delle indagini che negli anni ha svolto il dottor Tartaglia e le altre minacce pervenute in queste settimane ai suoi colleghi, ci impongono di non abbassare la soglia dell’attenzione e di non trascurare alcun elemento”, aggiunge D’Alia.